Archivi categoria: all the good children go to hell

Sai che c’è?

C’è che incomincio a vedere quel mondo che non mi apparteneva in maniera diversa. C’è che sono per strada e la mia attenzione è catturata da passeggini, bimbi che giocano e vetrine di scarpine così piccine che, neanche sei mesi … Continua a leggere

Pubblicato in all the good children go to hell, Uncategorized | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Il forte vento di questi giorni è il segno tangibile del cambiamento. Una brusca accelerata, in piena curva, quando tutto intorno sembrava viaggiare al rallentatore e lo scenario statico si susseguiva sempre uguale. Violente raffiche mi sospingono oltre.

Pubblicato in all the good children go to hell | Lascia un commento

punti di vista

Febbraio, il mese più lungo dell'anno, volge al termine. un pò di impicci sono spicciati, altri sono sul punto di essere risolti e poi ancora una corsa contro il tempo per conciliare i diversi impegni con almeno un paio di … Continua a leggere

Pubblicato in all the good children go to hell | 1 commento

post-it

Costanza.  

Pubblicato in all the good children go to hell | 9 commenti

corto circuiti mentali

Tutto preso dall' analisi di un amplificatore differenziale, trovo il senso ultimo dell' oggetto di un servizio delle iene visto mesi fa. Il servizio in questione è sullo sbiancamento anale, se ve lo siete persi lo trovate qui. Al momento … Continua a leggere

Pubblicato in all the good children go to hell | 3 commenti

“E nel tempo che ci rimane, questo tempo che ci rimane non vorrei sprecarlo per l’ennesimo duello, tanto poi nessuno ha mai vinto, tanto sai che nessuno ha mai perso.”

Pubblicato in all the good children go to hell, pop kills your soul, video killed the radio star | 1 commento

Nuovo anno.

Ho dato al duemiladieci un calcio in culo: che si porti via tutto ciò a cui si è accompagnato; un paio di schiaffi al duemilaundici, intimidazione preventiva, per mettere subito in chiaro le cose.

Pubblicato in all the good children go to hell | 10 commenti
Pubblicato in all the good children go to hell | Lascia un commento

Vite in attesa – Il Porto

Il porto (ne ho già parlato qui) è il ritrovo naturale per la gente più disparata. C’è chi transita, per lavoro, vacanza o impicci vari, chi ci lavora, chi ci passa il tempo libero come fosse un circolo ricreativo e … Continua a leggere

Pubblicato in all the good children go to hell | 5 commenti

cambiamenti di stato a s-cadenza

c'è questa data: 12 gennaio. nè così vicina nè così lontana, è  lì, a metà strada. per allora un paio di cosette, che al momento mi riempiono la testa fino a farmela evaporare, dovrebbero essere chiare. Non dico risolte ma … Continua a leggere

Pubblicato in all the good children go to hell | 1 commento